Da poco ho inviato un bollettino riguardante un argomento che mi affascina: gli abbracci.  E naturalmente ci sono state risposte meravigliose da parte di chi lo ha letto; più precisamente mi ha contattata una persona iscritta al bollettino, che mi ha suggerito di guardare un video bellissimo; questo mi ha ispirato immediatamente a scrivere questo articolo per te.

Una volta percorrendo le vie di un piccolo villaggio messicano, una donna uscì dal nulla e mi chiese: Mi regali un abbraccio? Ed io le risposi di si, con molto piacere. Dopo avermi abbracciata mi disse che si trovava in un gruppo nel quale una delle attività era quella di uscire in strada e chiedere abbracci alle persone che incontrava, anche se non le conosceva. Nel suo viso si notava la felicità, stava gustandosi gli abbracci come se si fosse trattato di un gioco della sua infanzia. Mi è piaciuta moltissimo la dinamica per la disposizione, il gusto, la libertà e l’amore di cui si ha bisogno per attraversare le muraglie degli esseri umani che camminano sommersi nei loro ricordi, per l’allegria di cui hai bisogno per chiedere ad uno sconosciuto: Senti, posso regalarti un abbraccio? Credo che anche se quella persona si nega, non dimenticherà mai più il momento e si sveglierà per un istante dal suo sonno profondo.

Parlo di attravesare le muraglie… si. Il nostro io pauroso teme il rifiuto al chiedere un abbraccio e per questo molte volte restiamo con la voglia di farlo.  Anche il nostro io arrabbiato considera che non vale la pena abbracciare qualcuno perchè è una dimostrazione di debolezza. Perfino il nostro io ferito ignora che gli abbracci si sono fatti anche per avvolgere il corpo di qualcuno e dirgli senza parole: TI AMO.

E nonostante che per molte persone sia qualcosa di facile e lo fanno di frequente, per  molte altre non lo è. Ci sono perfino signore che non possono abbracciare i loro figli perchè nessuno ha insegnato loro come farlo. Ci sono anche signori che non abbracciano i loro figli  con il timore di perdere qualcosa della loro maschilità. Ci sono bambini che non hanno potuto imparare ad abbracciare perchè imitano le azioni degli adulti e ci sono persone che vogliono imparare a farlo, mentre altre lo hanno dimenticato.

Se tra le tue mani esiste il regalo di dare un abbraccio,  fallo, è uno scambio di energia che ti lascia una sensazione molto gradevole; un abbraccio sincero è guaritore e anche se non sempre lo sembra è corrisposto. I tuoi abbracci hanno la missione di abbracciare persone così come situazioni, perchè energeticamente e spiritualmente sono il simbolo dell’accettazione della vita; hai l’opzione di abbracciare le tue vicissitudini perchè puoi permettere che nel tuo corpo o intorno ad esso accada ciò che deve succedere senza frapporti. Abbracciare la vita, abbracciare le persone che amiamo e ancora quelle che non conosciamo è parte della ricostruzione e della rinascita del nuovo mondo.

L’abbraccio rompe la solitudine, ti aiuta a crescere emozionalmente, migliora la salute, la tua autostima, la tua intelligenza. L’abbraccio è un alimento sano per le tue cellule, è libero dal colesterolo , dall’alcol o sostanze tossiche, inoltre è gratuito, non dovrai pagare nulla per iniettare vita nel tuo sistema immunitario.

L’abbraccio contiene un linguaggio proprio che non ha bisogno di parole, è come se attraverso di esso potessi comunicare in silenzio con l’altra persona e in questo modo scambiare i suoni, le sensazioni e le parole più sincere di chiunque. Toccare, sentire, abbracciare è qualcosa che in molti casi si impara e che si applica nella misura in cui si è liberi dalle possibili interpretazioni negative degli altri. Abbracciare è un atto che con o senza le parole accetta, riceve, include, libera, perdona, fortifica, rallegra, guarisce, comprende, calma, permette, lascia, sente, consola, esprime, canta, ringrazia e ama.

Qualche tempo fa si è condotto uno studio di abbracci con un grupo di neonati prematuri: quelli che sono stati abbracciati si sono ripresi più velocemente di quelli che hanno passato più tempo nell’incubatrice; allora se hai un neonato o bambini, abbracciali e regala loro maggiore sicurezza, maggiore fiducia, più motivi per camminare nella vita. Il cambio globale comincia in un piccolo spazio dentro di te.

C’è qualcuno al tuo fianco che puoi abbracciare? Fallo e sorridi. Wow! E’ un’esperienza magica. La tua mamma non potrebbe mai ricevere un abbraccio perchè è molto ferita e desideri dargliene uno? Allora fallo nella tua mente e ti assicuro che lo riceverà ugualmente . E se credi di non avere nessuno da abbracciare, hai te stesso, fallo con te! Avvolgi il tuo corpo e digli quanto è importante per te. Abbraccia la tua esperienza di vita almeno una volta al giorno, ti sentirai molto bene. Abbraccia il tuo cane, il tuo gatto o un albero, loro sono esseri innocenti per natura e questo è un altro modo di onorare la Creazione.

A me sono piaciuti moltissimo gli abbracci e tutta la gente che ho incontrato nella vita mi ha abbracciata con un amore molto grande; anche uomini, donne e bambini mi hanno regalato il privilegio di abbracciarli dopo aver condiviso una conferenza con me e quelli sono momenti indimenticabili. Grazie.

Grazie a tutte le persone che mi hanno regalato un abbraccio. Grazie per aver dato ispirazione a questo articolo.

Abbracci di luce amati lettori e amate lettrici.

© Tutti i diritti riservati. Vivi Cervera 2011.

Tradotto da Sabrina.

Il seguente video suggerito da una lettrice del bollettino appartiene alla organizzazione : http://abrazosgratis.org/

Annunci