Di Vivi Cervera

Ti sei chiesto “perché mai ti sei messo in questa strana missione di cancellare i tuoi ricordi”?; ti è sembrato di essere un poco bizzarro perché pronunci le 4 parole che curano? Non preoccuparti, non sei stato l’unico a chiederti ciò, quasi tutte le persone che lo fanno se lo chiedono, perché desiderano arrivare a dare una risposta ad un dubbio esistenziale: Chi sono?

Forse pensi di essere  “l’attività a cui ti dedichi” (sono una infermier@, avvocato, idraulico; può essere che sei diventato ciò che qualcuno di disse ed è anche probabile che tu sappia già di essere l’unico essere nell’Universo e che ha creato tutto ciò che esiste con i propri pensieri.

C’è qualcosa di meraviglioso al riguardo ed è il “campo” dove ti muovi; esso si adatta a ciò che tu credi, a ciò che tu pensi, quindi se credi di essere una persona indifesa, sola e triste, il tuo campo si muoverà in quella direzione affinché trovi tutto ciò che soddisfa la tua credenza. Così se credi di essere responsabile al 100% di tutto ciò che senti, allora il campo si muoverà secondo la tua credenza per soddisfarla. Il meglio di questo gioco chiamato vita è quella “libertà” di scegliere e di giocare secondo le tue necessità. Se credi in te o meno, anche il campo di adatterà alla tua vita per darti ragione. Allora, come vuoi giocare?

Quando sei nato, hai acquisito immediatamente la banca dati con il quale avresti lavorato la coscienza umana dal tuo stesso nucleo; in questo modo sei passato ad essere una mente con un insieme di dati storici, di informazione che sembra così reale che hai creato perfino enciclopedie che ti informassero; tuttavia questa storia non smette di essere un pensiero, una scintilla, la fusione di alcuni neuroni e infine una memoria o un ricordo con il quale dovrai lavorare in modo simbiotico fino a che potrai vedere nascere la nuova Terra.

Una memoria è un ricordo, un registro che ti porta a vivere in un certo modo e che fa sì che molte situazioni e persone ti feriscano. Una memoria è la tua opportunità per guarire l’essere umano dalla sua stessa origine, che sei tu. Tutto quello che in questo momento ti sta facendo soffrire non è altro che la opportunità travestita da castigo, la libertà offuscata da un ricordo non gradito di essere qui.

Senza la memoria la tua esistenza non avrebbe ragione di essere, senza il ricordo non ci sarebbe un “Perché ” esser nati sul pianeta Terra; senza la distruzione non potrebbe esserci una rinascita. Tu sei la mia opportunità per rinascere e la unica opportunità che ha la specie umana, quello è il tuo proposito.

Le 4 parole che curano ti guideranno soavemente nel processo di trasformazione di memorie con il fine che tu possa adempiere la tua missione qui. Temporaneamente non tutti gli esseri umani si qualificano per guarire con le 4 parole che curano, che sono anche codici restauratori del DNA, perché non tutti si “arrischiano” o si “avventurano” a volersi bene incondizionatamente, ci sono ancora persone che credono che questo non è reale. So che in pochissimo tempo anche questa memoria si trasformerà. Tu (se così decidi) sei parte della piccola percentuale di persone che è ricettiva al segnale che ti trasforma in pezzo chiave della conservazione della specie umana.

Indipendentemente dal fatto di credere che tutto questo è qualcosa di molto strano, molto probabile o no, il campo si muoverà nella direzione che tu indichi per darti ragione, questo è ciò che ti rende padrone della tua esistenza.

Maggiori informazioni sui ricordi nel mio libro “4 parole che curano: il linguaggio segreto degli antichi hawaiani” nel capitolo: “Memorie, ricordi e registri”.

Grazie per leggermi.

Traducido por Sabrina (fissel_1@yahoo.it)

Di seguito un video che ti darà una lieve idea di chi sei:

Annunci